Home Specialità gastronomiche Salicornia, cos’è e dove si compra

Salicornia, cos’è e dove si compra

177
0
CONDIVIDI
salicornia dove si compra

La salicornia ha origini molto antiche che risalgono ai vichinghi, quando questa pianta era utilizzata massivamente da questo popolo per cibarsene durante i loro lunghi viaggi in mare. Infatti, il suo contenuto di acqua è notevole e, non a caso, essa cresce in maniera spontanea a ridosso del mare e nelle acque saline ristagnanti. Tra l’altro, è detta anche asparago di mare.

Praticamente sconosciuta ai più, è tornata prepotentemente in auge forse grazie ad una nota trasmissione televisiva in cui è stata utilizzata come ingrediente di una succulenta ricetta. Come facciamo, però, a trovarla o a riconoscerla se non sappiamo dove comprarla?

Anzitutto la si trova facilmente, perchè cresce spontanea lungo il litorale marino costiero o negli anfratti di stagni e suoli marini con notevole presenza di sale. In Italia la laguna di Venezia è forse il luogo più idoneo per permettere lo svilupparsi della salicornia. Oltre a questa, ci sono luoghi anche lungo la costa tirrenica ed adriatica che favoriscono la crescita di questa pianta erbacea.

La si trova specialmente in primavera e si presenta in forma di cespuglio con rami cilindrici che ricordano la forma degli asparagi selvatici, da cui il suo secondo nome, asparago di mare.

Durante la stagione invernale il colore del fusto è di un verde tendente al grigio, mentre in estate si colora prevalentemente di rosso. Proprio l’estate, o meglio fine primavera, è il periodo della raccolta.

salicornia shop on line

E’ possibile, quindi, trovarla sul mercato fino alla fine dell’estate. Una volta, come dicevamo, era sempre più difficile trovarne qualche ramo dal fruttivendolo; oggi, complice la TV e i social è invece sempre più facile scoprirla sul banchetto del nostro fruttivendolo sotto casa anche se non è sempre così scontato. In ogni caso la si può trovare con maggiore facilità presso negozi di frutta e verdura più ricercati o nei grandi mercati e supermercati o negozi bio più forniti.

Ma perchè la salicornia è così ricercata? Perchè essendo molto ricca di acqua, sali minerali e vitamine è un alimento povero di calorie ma utile per coloro che hanno problemi di drenaggio. Infatti, è una pianta che favorisce la depurazione essendo diuretica. La presenza di iodio, inoltre, ha un effetto calmante sull’organismo e la vitamine che contiene, B e C, sono utili per combattere patologie che si basano sulla scarsità di vitamine appunto, una per tutte: lo scorbuto.

Non solo utile, però, per le sue proprietà benefiche, la salicornia è un ottimo ingrediente in cucina.

La parte superiore della pianta ha un sapore leggermente amarognolo e acidulo ma i suoi germogli, ricchi di acqua e quindi più teneri e carnosi, vengono bolliti e serviti con sale, olio e limone. Viene di solito accompagnata da un buon piatto di pesce in quanto la sua componente saline ben si sposa con questo tipo di piatti, specie i crostacei. Non certo sono da disdegnare le zuppe o i primi piatti di mare conditi con la salicornia. Per di più, va molto d’accordo con le uova, proprio come i suoi cugini terrestri, quindi si possono preparare delle ottime e saporite frittate. Si può anche proporla sott’olio o sott’aceto e quindi poterla gustare in diversi periodi dell’anno oppure farne una delicata tempura per renderla croccante. Infine, se essiccata, diventa una saporitissima polvere che viene usata come condimento su altre pietanze.

CONDIVIDI
Articolo PrecedenteIl lardo di Colonnata
Prossimo ArticoloIl formaggio sardo con i vermi
Francesco Coccia

Sono Francesco Coccia e ormai, sulla soglia dei 50 anni, il cosiddetto “giro di boa”, finalmente posso dire di aver dato sfogo alla mia passione. Di cosa si tratta? Beh, potreste dire che è alquanto semplice intuire che mi piaccia il buon mangiare ed il buon bere, ma non è solo questo. Quello che amo di un buon piatto o di un buon vino è, oltre alla qualità ed al sapore, la sua storia. Da dove proviene, chi ne è stato l’artefice, qual è la tradizione a cui è legato così come il territorio che ne rappresenta la sua culla. Mi piace andare a ritroso alla ricerca delle radici più profonde. Se volete, è un po’ come conoscere e scoprire la storia di una persona, per certi versi.

Leggi di più su di me >

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here