Home Specialità gastronomiche Festività Il panettone artigianale: la classifica dei più cercati on line

Il panettone artigianale: la classifica dei più cercati on line

208
0
CONDIVIDI
la classifica dei panettoni più cercati su internet

Natale, si sa, è tempo di panettone, soprattutto artigianale. Ormai, sono tantissime le pasticcerie che producono la “propria” versione di questo pane natalizio speciale della tradizione milanese.

La ricetta segreta

Ognuna di queste, da nord a sud, lo reinterpreta con grande creatività, magari cercando di impreziosirlo con alcuni ingredienti che richiamino il luogo di origine; ma l’ingrediente che non cambia mai nella ricetta è la maestria di questi professionisti del lievitato, la ricerca continua della qualità e le loro tecniche di produzione volte ad ottenere il migliore risultato possibile. Questa ricerca si è presto tramutata in una sorta di competizione tra queste storiche pasticcerie italiane ed infatti ormai è diventato un appuntamento fisso quello di eleggere ogni anno il migliore panettone d’Italia. Quella che qui riportiamo, però, è una classifica un po’ diversa dalle altre in quanto si riferisce a quelli più ricercati quest’anno in internet, tratti dalle statistiche di Google.it. Quindi niente panel di esperti ma solo obiettivi di ricerca. Sgombriamo subito il campo da eventuali equivoci affermando che non necessariamente i panettoni più ricercati siano anche i più buoni o i più venduti.

Classifica panettoni 2017

Quale sarà il più cliccato panettone artigianale? Forse quello che si fa a Milano, a Torino o a Roma? O forse Napoli, oltre che capitale della pizza, vuole ambire ad essere anche quella del panettone? O forse la Sicilia, con i suoi panettoni al pistacchio di Bronte?

Potremmo dire che i migliori panettoni si assomigliano molto perché prima di tutto uniscono i migliori ingredienti sul mercato: le uova di galline allevate a terra e che non vengono alimentate con mangimi, le farine che ogni pasticciere seleziona presso il suo mulino di fiducia, le uvette australiane e i canditi prodotti, anche questi in proprio, dalla frutta selezionata, il lievito migliore, anche se tutti i grandi fanno il panettone con lievito madre, ed infine nessun conservante aggiunto. Il lievito madre, in particolare, oltre a sottolineare la differenza con i prodotti industriali per il suo profumo ed il suo gusto, è anche più facilmente digeribile e meglio conservabile.

Vediamo allora la classifica con un’ultima avvertenza: il modello di riferimento è il miglior panettone artigianale Milano, cioè quello classico con uvetta e canditi, senza glassa e decorazioni, a forma di fungo o di pagnotta schiacciata.

  1. Pasticceria Veneto di Iginio Massari, Brescia
  2. Bar Fiasconaro dei F.lli Fiasconaro, Castelbuono (PA)
  3. Pasticceria Cova, Milano
  4. Pasticceria Pepe, di Alfonso Pepe, Sant’Egidio del Monte Albino (SA)
  5. Flamigni, Forlì (FC)
  6. Morandin, di Mauro Morandin, Saint Vincent (AO)
  7. Loison, di Dario Loison, Motta (VI)
  8. Pasticceria Tiri, di Vincenzo Tiri, Acerenza (PZ)
  9. Giorilli, di Pier Giorgio Giorilli, Brescia
  10. Pasticceria Montersino, di Luca Montersino, Alba (CN)
  11. Pasticceria Filippi, dei F.lli Filippi, Zanè (VI)
  12. Pasticceria Marchesi, di Angelo marchesi, Milano
  13. Panettone Giotto dal Carcere di Padova, Padova
  14. Pasticceria Scarpato, Villa Bartolomea, (VR)
  15. Biffi, Milano

Voi ne conoscete altri ugualmente conosciuti e ricercati, oltre che buoni?

CONDIVIDI
Articolo PrecedenteIl pranzo di Natale: il menu che proponiamo
Prossimo ArticoloIl panettone artigianale: la ricetta facile
Francesco Coccia

Sono Francesco Coccia e ormai, sulla soglia dei 50 anni, il cosiddetto “giro di boa”, finalmente posso dire di aver dato sfogo alla mia passione. Di cosa si tratta? Beh, potreste dire che è alquanto semplice intuire che mi piaccia il buon mangiare ed il buon bere, ma non è solo questo. Quello che amo di un buon piatto o di un buon vino è, oltre alla qualità ed al sapore, la sua storia. Da dove proviene, chi ne è stato l’artefice, qual è la tradizione a cui è legato così come il territorio che ne rappresenta la sua culla. Mi piace andare a ritroso alla ricerca delle radici più profonde. Se volete, è un po’ come conoscere e scoprire la storia di una persona, per certi versi.

Leggi di più su di me >

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here