Home Ricette Primi Risotto al limone con salmone e polpa di granchio

Risotto al limone con salmone e polpa di granchio

166
0
CONDIVIDI
Un primo piatto di pesce appetitoso e facile

Se non volete cimentarvi in cose troppo complesse, perché magari il vostro menu ne contempla già qualcuna, vi consigliamo questa ricetta facile e appetitosa allo stesso tempo: il risotto al limone con salmone e polpa di granchio. Vediamo cosa serve e come si prepara.

Ingredienti per 6 persone

400 grammi di riso Carnaroli
300 grammi di salmone a filetti
50 grammi di burro
1 tuorlo
1 scatola di polpa di granchio
100 grammi di panna liquida
1 limone
vino bianco secco
1,5 litri di brodo
sale e pepe

Procedimento

Mettete il riso in una padella capiente con una noce di burro e fatelo tostate per un quarto d’ora circa, aggiungendo di tanto in tanto il brodo caldo che avrete preparato prima.

Tagliate i filetti di salmone in piccoli pezzi e fateli saltare in un po’ di burro (o anche olio extra vergine di oliva) per qualche minuto in modo che restino sodi; irrorate con un po’ di vino bianco e infine salate e pepate spegnendo il fuoco.

Prendete il tuorlo d’uovo, mescolatelo e amalgamatelo con la panna, quindi salate e pepate. Intanto che il riso raggiunge la sua cottura potrete aggiungere la scorza grattugiata di mezzo limone, il succo dell’altra metà, il salmone e la polpa di granchio. mescolate bene e spegnete il fuoco. Aggiungete ora il composto all’uovo, mantecate, coprite e lasciate riposare per qualche minuto prima di servire.

CONDIVIDI
Articolo PrecedentePuré di patate al forno
Prossimo ArticoloIl pranzo di Natale: il menu che proponiamo
Francesco Coccia

Sono Francesco Coccia e ormai, sulla soglia dei 50 anni, il cosiddetto “giro di boa”, finalmente posso dire di aver dato sfogo alla mia passione. Di cosa si tratta? Beh, potreste dire che è alquanto semplice intuire che mi piaccia il buon mangiare ed il buon bere, ma non è solo questo. Quello che amo di un buon piatto o di un buon vino è, oltre alla qualità ed al sapore, la sua storia. Da dove proviene, chi ne è stato l’artefice, qual è la tradizione a cui è legato così come il territorio che ne rappresenta la sua culla. Mi piace andare a ritroso alla ricerca delle radici più profonde. Se volete, è un po’ come conoscere e scoprire la storia di una persona, per certi versi.

Leggi di più su di me >

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here